Chi sono?

Istruzioni per l’uso:

Mudrost è un contenitore di pensieri. Le citazioni sono riportate per intero. E’ possibile cercarle per parole chiave tramite la maschera di ricerca sulla destra o il tag cloud ed hanno per oggetto temi etici e morali.

Nella sezione “pensieri” sono invece contenute le mie riflessioni personali.

Elenco delle letture:

2017

  • Anselm Grun – Per vincere il male **
  • San Bonaventura – Itinerario della mente in Dio **
  • Cristina Giudici – L’Italia di Allah **

2016

  • G. E. Lessing – Religione e Libertà **
  • S. Tommaso D’Aquino – La Somma Teologica I **
  • S. Anselmo – Il Proslogio **
  • Luigi Maria Epicoco – Solo i malati guariscono **
  • Bernardetta Soubirous – Quaderno delle note intime. **
  • Don Massimiliano Gori – Don Gino il prete di Decimo **
  • Hamit Bozarslan – La Turchia Contemporanea **
  • H. Benson – Il Padrone del Mondo ***
  • Fahrad Bitani – L’Ultimo lenzuolo bianco **
  • Pavel Florenskii – L’anima della Russia **
  • Santa Faustina Kowalska – Diario ***
  • Gloria Polo – Sono stata alle porte del cielo e dell’inferno ***
  • Papa Francesco – Amoris Laetitiae **
  • Matthias Weik, Marc Friedrich – Der Crash ist die Lösung **
  • I. S. Turgenev – Padri e Figli **
  • Bruce Pandolfini – Strategie degli Scacchi per vincere nel Business *
  • Massimo Gandolfini con Stefano Lorenzetto – L’Italia del Family Day **
  • Giampaolo Valdevit – I Volti della Potenza **
  • Henri Mendras – L’Europa degli Europei *

2015

  • David Hume – An Enquiry concerning human understanding **
  • Plato – The apology of Socrates **
  • Bertrand Russell – Political Ideals **
  • Suor Maria Goretti – Vivere in Grazia di Dio ***
  • Suor Maria Goretti – Non contristate lo Spirito ***
  • Suor Maria Goretti – In cammino verso la Santità ***
  • Suor Maria Goretti – Quando il figlio dell’uomo tornerà troverà ancora la Fede sulla terra? ***
  • S. Teresa di Liseaux – Storia di un’anima ***

2014

  • Sant’Agostino – L’utlità del Credere ***
  • Paolo di Paolo – Mandami tanta vita ***
  • Paolo di Paolo – Dove eravate tutti ***
  • Ernie Bradford – The great siege of Malta ***

2013

  • Rupert Smith – The Utility of Force **
  • Petros Markakis – L’Esattore **

2012

  • Andrew Robert Burn – Storia dell’Antica Grecia **
  • Bruce Chatwin – In Patagonia **
  • Bruce Chatwin – On the black Hill ***

In questo libro imparo a vedere la vita nel suo insieme, e la lezione che questa va vissuta e non scansata.

  • Carlo Azeglio Ciampi – A un giovane italiano **
  • Gianfranco Ravasi – Le porte del Peccato **
  • Don Milani – A che servono le mani pulite se si tengono in tasca? **

2011

  • Cesare de Carlo – Un tè freddo per Obama *
  • Ben Kane – Roads to Rome *
  • Benedetto XVI – Luce del Mondo **

Continuare a studiare per non perdere la rotta.

  • Anthony D. Smith – La Nazione, Storia di un’idea *
  • Paolo Branca – Il Corano **
  • Stephen King – Quattro dopo Mezzanotte **

Ritorna la passione per la scrittura.

  • Jean Paul Sartre – L’esistenzialismo è un umanismo **

Ogni scelta è solo nostra. La responsabilità di far parte e aver aderito è grande.

  • Dale Carnagie – Come trattare gli altri e farseli amici *
  • Timothy Redcliffe – Amare nella Libertà **
  • T. Redcliffe – Testimoni del Vangelo **
  • Pearl Abraham – Giving up America **

La vita non conclude? O forse solo questo romanzo…

  • Isabel Allende – El Plan Infinito **
  • J. Ellroy – The big Nowhere **

2010

  • Alejandro Jadorowsky – Il Passo dell’Oca **

Al rischio di suscitare bassi istinti, il risveglio della fantasia.

  • Miguel Delibes – La Sombra del Ciprés es alargada ***
  • Ildefondo Falcones – La Catedrale del Mar **
  • Vanna Vannuccini, Francesca Predazzi – Piccolo viaggio nell’anima tedesca *
  • Flannery O’Connor – Nel territorio del diavolo **
  • N. Hornby – Alta fedeltà *+
  • Antonio Munoz Molina – En Ausencia de Blanca **

Chi ci crede e lotta fino alla fine vincerà.

  • Giampietro Stocco – Nero Italiano *
  • Alexander Mc. Call Smith – 44 Scotland Street *
  • Sidney Sheldon – La Rabbia degli Angeli **
  • Marco Tarchi – Contro L’Americanismo **

Colonizzati senza saperlo. Un libro illuminante ma non condivido gli attacchi a Israele.

  • Emanuele II il Paleologo – Logos, la ragione in Dio **

Onore alla retorica, arma dell’uomo retto.

  • Alberto Gandolfi – Vincere la Sfida della Complessità **

Scienza politica e management.

  • Luis Sepulveda – Un nome da Torero *
  • Bertrand Russel – What I believe **

Reasonable common points.

2008

  • E. Corti – Il Cavallo Rosso **
  • Charles de Focault – Scritti spirituali **
  • Encicliche sociali **
  • Alexander Solzenicyn – Arcipelago Gulag ***
  • Giancarlo di Cataldo – Romanzo Criminale *
  • Agostino – Le Confessioni ***
  • Y. Mishima – Il Sapore della Gloria **
  • Ignazio Silone – Fontamara ***

Perdere tutto ma non l’amore. Potere al popolo!

  • J. Echenoz – Correre **

Sorta di Forrest Gump. Stile da Candid. Una mattinata di poco sforzo e profitto.

2007

  • Nick Hornby – Non buttiamoci giù ***

E’ ora che la smetta di metterla sul drammatico, la vita è merdosa un po’ per tutti. E’ bello essere O e andare sempre un po’ avanti.

  • C. Palahniuk – Survivor *

Critica delle piccole manie che ci tolgono l’essenziale. Critica ai dogmi di Chiesa.

  • Yukio Mishima – La Voce delle Onde ***

Senso del dovere e sentimento umano miracolosamente fusi. Alla fine giunge il premio per chi è paziente.

  • Y. Mishima – L’età verde ***

Chi parla troppo con sè stesso si intrattiene con uno spregevole individuo.

  • Giorgio Faletti – Niente di Vero tranne gli Occhi **

A volte stanca ma comunque un bel libro.

  • Joe R. Lansdale – Freddo a Luglio ***

Ottima storia semplice e solida, ancora pieno di strani ideali.

  • Y. Mishima – Neve a Primavera ***
  • E. Kant – Lezioni di Etica ***

Se solo me lo imprimessi nella mente!

  • E. Kant – La Metafisica dei Costumi ***
  • A cura di A. Pacchi – Hobbes: Lezioni di Etica **
  • Hugh Laurie – The Gun Seller **
  • E. Fromm – La Rivoluzione della Speranza **

Senza Dio c’è molto poco. E perchè nessuno l’ha attuata?

  • Detti dei padri del deserto ***

E se ne andò, essendo stato edificato.

  • Lev Tolstoj – Guerra e Pace ***
  • A cura di Carlo Cremona: S. Agostino – Pensieri ***
  • G. Papini – Un uomo finito *
  • Marcello Veneziani – La Cultura di Destra *

2006

  • Nancy Geary – Delitto a Long Island *
  • James Ellroy – L.A. Confidential **
  • Clifford Simak – Infinito ***

Concept sul rapporto scienza/fede. Panorama sconsolante del futuro. Un uomo è costretto a ricominciare da capo, mettendo in discussione tutte le sue certezze e ritrovando nell’umità le sue radici. L’infinito era alla nostra portata, ma con la nostra assurda presunzione l’abbiamo perduto.

  • Vita di Gandhi ***

Sicuramente un personaggio da conoscere, ammirevole per la sua forza di volontà e per il suo rispetto per gli altri: si può imparare da lui come improntare la nostra vita a un ideale.

  • Larry Niven – La strada del Destino **

Interessante il paradosso di una strada impercorribile e della mancanza di curiosità della gente.

  • Nancy Kress – La rivolta dei mendicanti **

L’umanità che va oltre sè stessa e dimentica le sue origini, presumendo di poter governare le masse di mendicanti, privi di qualsiasi diritto.

  • William Gibson – Neuromante ***

Può l’uomo creare Dio? Esiste vita nell’altrove? Agiamo in base a modelli di comportamento da noi codificati inconsapevolmente.

  • Robert Howard – I Signori della Spada ***

Fugace come un sogno confuso ma ricco di spunti e di vita. Sembra uno dei primi esperimenti di quello che diverrà un nuovo genere.

  • Philip Dick – Se gli Androidi sognano Pecore elettriche ***
  • Philip Dick – Cronache del Dopobomba ***
  • William Gibson – La Notte che bruciammo Chrome ***
  • Stephen King- L’ultimo Cavaliere ***
  • De Camp, Carter, Nyberg – Conan il Barbaro **

Ripresa inflazionata dello stile howardiano, interessanti ma monotoni nell’insieme gli episodi e troppo slegati tra loro. I continuatori non hanno voluto rischiare.

  • R. Howard – Conan l’Usurpatore ***
  • Maurice Leblanc – Arsene Lupin contro la Mafia **

Un romanzo di stampo borghese e “fuilleton”. Privo di logica e di trovate complesse ma leggero e ironico. Fa sorridere per l’ingenuità.

  • Tonino Lasconi – Gesù, il grande Rompi **
  • William Gibson – Monnalisa Cyberpunk ***

Meno brillante di Neuromante, confuso e scontato il finale, ma fino all’ultimo emozionante. Ma del resto come ci si può aspettare di comprendere l’infinito?

  • J. Conrad – Tifone, Giovinezza ***

Il migliore è giovinezza, un flashback sui ricordi idealizzati della gioventù.

  • B. Sterling – La Matrice Spezzata **

L’evoluzione degli esseri post-umani in un caotico susseguirsi di eventi slegati del genere cyberpunk. Comunque da interpretare metaforicamente.

  • Kenji Miyazawa – Il Violoncellista Goshu **

Radicalmente altro dalla mia cultura

  • Stefano Moccia – Tre Metri sopra il Cielo **

Dice alla gente quello che vuole sentirsi dire. Classico esempio di soap ma povera di contenuti, anche se è impossibile non riconoscersi nelle situazioni, estreme.

  • A cura di A. Pentovskij – Racconti di un Pellegrino russo ***

Un libro così può essere consigliato solo da chi ha una grande Fede. E’ una mentalità aliena ma la capisco e spero di poterla condividere.

  • David Gemmel – La Leggenda dei Drenai ***

L’attesa di una sola grande battaglia. Povero di contenuti ma commerciale al punto giusto.

  • Franco D’Agostino – Gilgamesh alla conquista dell’Immortalità ***

L’eterna ricerca di un mago per divenire guerriero.

  • David Gemmel – Le spade dei Drenai ***

Ricalca lo schema del primo libro. Molto belli i dialoghi e le introspezioni dei vari personaggi che evolvono nella storia, sui semplici significati della vita.

  • David Gemmel – L’Ultimo eroe dei Drenai ***

La ricerca fine a sè stessa come il senso di una vita. Forse il migliore di Gemmel e quello in cui più mi sono riconosciuto in Kiall.

  • Saul Bellow – La Resa dei Conti ***

Un libro sugli inetti, dove non succede assolutamente niente. Il determinismo porta Tommy ad abbandonarsi alla vita e a pianjgere per sè stesso e uno sconosciuto.

  • David Gemmel – Guerrieri d’Inverno ***

Altro geniale episodio “stand alone”. Proprio per questo degno di interesse.

  • Umberto Galimberti – Le cose di Amore ***

Analisi filosofica e psicologica dell’amore, in un utile percorso per ritrovare sè stessi persi nel sentimento, che è unico ma con una lunga prospettiva di analisi storica.

  • R.A. Salvatore – Il dilemma di Drizzt **

Finito in un momento in cui la vita si era quasi interrotta. Non molto profondo e spesso banale ma di piacevole lettura per un addetto al settore. Mancano relazioni interpersonali profonde.

  • R.A. Salvatore – La Fuga di Drizzt **
  • Giulio Busi – La Qabbalah **

Ho capito cos’è la Quabbalah e cosa mi interessa o no di essa. Purtroppo era solo in prospettiva storica e non concettuale o filosofica.

  • Friederich Nietzsche – Così parlò Zarathustra **

Il voto non è maggiore perchè il libro può essere travisato in delirio di onnipotenza, visto che non ho il necessario discernimento. Sarò comunque la base per una futura cultura filosofica. Sperando di trovarvi parte delle risposte che cerco.

  • F. Nietzsche – Genealogia della Morale ***

Stimolo alla vita, critica al nihilismo, un tonico per il pensiero. Mi è piaciuto seguire l’evoluzione dei concetti allenando la mente e lo spirito. E’ una esperienza di crescita, evitare la religione come chiusura mentale e paura.

  • Soren Kierkegaard – Aut-Aut ***

Lettera a me stesso di poco tempo fa. L’etica del contadino contrapposta all’eroe di Gemmel, mi ha insegnato a costruire giorno dopo giorno il mio posto nel mondo a lungo termine. Etica/Estetica, il denaro, il matrimonio, occupare la giornata: alcuni dei temi.

  • Arther Schopenhauer – L’Arte di Essere Felici **

Costruito su prosupposti che non condivido perfettamente, mi ha stimolato alla produzione di una eudamonia personale.

  • David Gemmel – Il Lupo bianco **

Stessa storia ma interessante la filosofia guerresca. Un buon libro utile e morale.

  • Confucio – I Dialoghi ***

Il libro si inserisce nel percorso di perfezionamento interiore con la saggezza pratica della vita quotidiana. Come il codice di Druss mi accompagnerà nella mia ricerca.

  • Arthur Schnitzler – Doppio Sogno ***

I veloci sbandamenti di amore e comportamento generati da un epifania e il faticoso tentativo di tornare alla normalità e ai doveri. Un amore in cui perdersi e ritrovarsi.

  • Philip Dick – Una Svastica sul Sole ***

Saggezza orientale e identità occidentale contro la follia della vita.

  • Leonardo Vittorio Arena – Kamikaze **

L’assurdo assolutizzarsi di un gesto estremo, codice anacronistico a quei livelli. Testimonianze dall’altro lato della barricata.

  • Emmanuel Kant – Critica del Giudizio ***

Accresce la facoltà del pensiero nel seguire i ragionamenti; dimostra Dio velatamente con la morale e fornisce ottime categorie di pensiero e comprensione dell’intelletto.

  • F. Nietzsche – Ecce Homo **

Tono esaltato ma spesso teorie giuste. La sua vita è spesso simile a come la vedo io; gran brutto segno.

  • S. Kierkegaard – Timore e Tremore ***

Lirica sulla Fede e la rinuncia. Alla ricerca della forza tranquilla della vita per rinunciare a tutto e rinascere come Abramo.

  • S. Kierkegaard – Diario del Seduttore ***

Un viaggio nell’estetica e una curiosa coincidenza di date. Prendo solo ciò che mi è dato liberamente.

  • F. Nietzsche – Al di là del Bene e del Male *
  • Carl Gustav Jung – Inconscio, Occultismo e Magia ***

Se allargo la mia ricerca anche al campo della psicologia è finita. Il libro è comunque istruttivo per seguire la via di Holderlin, e del resto con Jung ha funzionato.

  • F. Nietzsche – L’Anticristo ***

Brillante e dissacrante, anche se a volte fa sorridere. Lo vedo come uno stimolo a migliorare. Riprende la “genealogia della morale”, che già dice quasi tutto.

  • Valerio Evangelisti – Cherudek ***

Ottimo il finale, fino all’ultimo in bilico tra l’assurdo e il grottesco. Riprende la tesi di Jung e l’interesse spiritualista di questa fase di studi.

  • Giovanni Papini – Il Diavolo ***

Importanti illuminazioni sulle scritture e sulla condizione attuale del mondo, fonte di conflitto per i cristiani. Preludio a uno studio teologico.

  • Blaise Pascal – Pensieri ***

Inizio del percorso di conoscenza delle scritture. Conoscere la propria miseria e Dio è la vita della salvezza. Nietzsche, Holderlin ecc.

  • Ernest Hemingway – Addio alle Armi **

Conciso ma vuoto; un intermezzo sbagliato perchè non vissuto consapevolmente. Alcool e stordimento prima della fine inevitabile, la via come per evadere non fa che rendere prigionieri.

  • J.R.R. Tolkien – Lo Hobbit ***

Favola classica dal sapore di tempi lontani e ancora semplice e pura.

  • Brian Herbert – I Ribelli dell’Impero *

Rimaneggiamento dell’universo Dune. Soliti toni e personaggi stereotipati per un immaginario che, come tutti quelli di successo, dovrebbe essere morto con l’autore. Buoni spunti per un GDR. Metonimie sprecate.

  • Lucio Anneo Seneca – Lettere a Lucilio (Libro I) **

Sarebbe stato un filosofo se non fosse stato scacciato da corte? Percorso per giungere all’imperturbabilità del saggio.

  • Tito di Stefano – Kierkegaard, Diario *

Sempre meglio l’originale. Se la disperazione mi ricaccia nell’estetica non vedrò Dio.

  • Jean Guitton – Studiare e lavorare con profitto **

Anche qui riferimenti ai romantici. Ordine come vita, scrivere spesso, cercare di scrivere bene. Non abbandonare mai.

  • Isaac Asimov – Io, Robot ***

Piccola favola dai toni leggeri ma dal contenuto apocalittico. Semplicistico? La vita è semplice, solo noi la rendiamo complicata.

  • S. Kierkegaard – Il Concetto dell’Angoscia, La Malattia mortale ***

Testo a lungo cercato, come da copione denso di esperienze morali per la Via.

  • J.R.R. Tolkien – Albero e Foglia ***

Splendide favole o frammenti di realtà? Faeria conta qualcosa nel mondo reale e il suo riflesso è la luce della mia stella.

  • Miti Nordici

Allegre avventure fino alla morte di Balder, che pone tutto in un’altra prospettiva. Fondamentali per la conoscenza dell’immaginario fantastico.

  • George R.R. Martin – Il Grande Inverno **

Ottimi intrighi dinastici ma troppo frammentato (influisce che sia un secondo episodio).

  • Herman Hesse – Siddharta

Dovrò dimenticare la superiorità e amare, semplicemente, me stesso e gli altri. Samsara e Nirvana in un eterno tao fino all’infinito.

  • David Gemmel – Eco del Grande Canto ***

Non è l’immortalità che rende un dio ma la perfezione divina nell’imperfetto uomo.

  • Alfred Van Voght – Il Liro di Ptah **

Interessante il concetto di reminescenza, ma frustrante l’inizio e troppo veloce il finale.

  • Erich Fromm – Avere o Essere ***
  • Robert Jordan – L’Occhio del Mondo **
  • Robert Jordan – La Grande Caccia **
  • Robert Jordan – Il Drago Rinato **
  • Eugen Herrigel – Lo Zen e il Tiro con l’Arco ***

Non capisco perchè I. me l’abbia regalato, segno che sono indietro nel sentiero. Non concentrarsi sul nemico nè su sè stesso ma solo sull’arco e la freccia. E ogni cosa accade da sè.

  • David Gemmel – Spada nella Tempesta **
  • J. Ellroy – Dalia Nera **
  • Robert Jordan – La venuta dell’Ombra **
  • E. Fromm – L’Arte di Amare ***

Essere anticonformista e avere Fede. Ideali di semplicità francescana. Ricercare la perfezione in ogni gesto e la pazienza nell’arte, come Herrigel. Smettere di essere straziato dalle passioni.

  • W. Shakespeare – Romeo e Giulietta **

Ho appreso quello che mi serve.

  • R. Jordan – I Fuochi dal Cielo **
  • Meister Eckhart – La Via del Distacco ***

La gioia della ricerca di Dio. La via si delinea con più chiarezza.

  • R. Jordan – Il Signore del Caos ***

Dopo epoche di tirannia delle Aes Sedai gli Asha’Man si incazzano. Stupendo finale.

  • Elizabeth Moon – La Velocità del Buio **

Evidentemente politica ma interessanti le descrizioni eccessive da autistico.

  • A. J. Cronin – La Cittadella ***
  • Khalil Gibran – Il Profeta **

Peccato per l’orribile racconto della vita di Gibran.

  • A. J. Cronin – E le Stelle stanno a guardare **

Ha meno dimestichezza con il maestro che con il dottore, ma i lodevoli propositi e il finale tragico mi spingono a continuare letture socialiste.

  • Robert Louis Stevenson – L’Isola del Tesoro ***

Semplice avventura di un ragazzo. Procedere passo passo nella vita. E poi l’ho letto a lei, non lo dimentico.

  • U. Galimberti – I Vizi capitali e i nuovi Vizi ***

Periodo di spleen e riflessione esistenziale. Desiderio di conoscere ciò che sto sprecando.

  • Fedor Dostoevskij – Il Giocatore ***

Il motivo del giudizio è l’immedesimazione. La febbre che provo per I. e i pensieri ambivalenti. Imparare a rovinarsi la vita. La roulette non è solo un gioco.

  • E. Fromm – La Disobbedienza e altri Saggi **
  • H. Hesse – Amore ***

Amore ideale, puro e disinteressato, come solo senso della vita fuggente. Passa nel silenzio ma cresce lento e rigoglioso come l’iris.

  • Chuck Palahniuk – Fight Club ***

E’ suo, anche se mi vede pazzo. Ma sono libero.

  • Henryk Sienkiewicz – Quo Vadis? ***

Fede forse ai nostri occhi ingenua, ma pura e elevata. La bellezza delle parole.

  • Claudio Asciuti – La Notte dei Pitagorici **

Il voto sarebbe maggiore senza la “rivelazione” del Re del mondo. Ma l’immagine di senzanome è decisamente suggestiva. Vivere creando un nuovo culto, art for art.

  • Diario di Nijinski *
  • Lev Tolstoj – Anna Karenina ***

Personaggio chiave Levin. Trovare in sè la legge morale. La vedo come Cristianesimo perchè sono nato qui ed ora. Ed è mio dovere seguirla con la mia naturale inclinazione.

  • Virginia Woolf – Gita al Faro ***

La poesia dietro ogni attimo banale, e il rimpianto per la signora Ramsay che sta lentamente morendo accanto a me.

  • Fratelli Goncourt – Germine Lacertaux *
  • Monaci nelle città **

La regola monastica è una delle risposte al vuoto. Ma se non c’è la chiamata, almeno la fraternità è un dovere.

  • D. Gemmel – Il Signore di Troia **
  • George Minois – Piccola Storia dell’Inferno **
  • Luciano Mecacci – Identikit del Cervello **
  • Leopoldo Bellak – Il Dilemma del Porcospino ***

Meno problemi e riflessioni, tanto la consapevolezza ce l’ho. E più vita e sociale.

  • John Locke – Sulla Tolleranza **